Skip to main content
A Roma la prima Conferenza Tripartita Italiana sull'European Open Science Cloud

A Roma la prima Conferenza Tripartita Italiana sull'European Open Science Cloud

| Sara Di Giorgio | Notizie
articolo letto 384 volte

L'appuntamento è fissato per il 5 giugno presso la sede centrale del CNR a Roma.

Questo evento, organizzato dal Ministero dell'Università e della Ricerca (MUR), fa parte di una serie di eventi nazionali promossi dall'EOSC Association, che hanno già avuto luogo in diversi paesi europei.

Gli eventi tripartiti sono organizzati con l'obiettivo di riunire e facilitare il dialogo tra i rappresentanti della governance dell'EOSC. In particolare, gli eventi a livello nazionale mirano a intensificare la diffusione e il coordinamento delle azioni necessarie per partecipare all'EOSC e per implementarlo, rafforzando il dialogo tra i ministeri competenti, le organizzazioni di ricerca, le agenzie di finanziamento, le comunità scientifiche e accademiche di tutte le discipline, nonché le infrastrutture di ricerca, i dati e i calcoli. La conferenza tripartita sarà perciò un'opportunità importante per la comunità nazionale per individuare obiettivi comuni per tutti gli attori della ricerca italiana, con particolare attenzione al coordinamento delle iniziative finanziate con fondi PNRR e all'infrastruttura nazionale per la Scienza Aperta.

Durante l'evento saranno affrontati diversi temi, tra cui la gestione FAIR dei dati e lo sviluppo del Competence Centre per la Scienza aperta di ICDI, con l'obiettivo di sviluppare una strategia nazionale coerente per la digitalizzazione della ricerca. Inoltre, si discuteranno le azioni necessarie per l'attuazione del Piano Nazionale per la Scienza Aperta.

La conferenza sarà aperta dal Ministro dell'Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini, e rappresenterà un'importante opportunità per discutere delle iniziative a livello nazionale, europeo e internazionale per la transizione verso il paradigma dell'Open Science e la costruzione dell'European Open Science Cloud.

La sessione mattutina, che avrà luogo dalle 10:30 alle 13:30, inizierà con i messaggi della governance tripartita, tra cui quelli del Ministro della Ricerca e dell'Istruzione e del Direttore Generale per l'Internazionalizzazione della Ricerca del MUR, della Commissione Europea, dell'Associazione EOSC. Successivamente, si terrà una tavola rotonda con gli "attori" dell'EOSC sulle azioni in corso e le future iniziative per la realizzazione del Piano Nazionale per la Scienza Aperta (PNSA).

Nel pomeriggio, dalle 15:00 alle 17:30, la comunità di ricerca nazionale sarà coinvolta per discutere più nel dettaglio dell'implementazione del PNSA e delle sinergie con l'EOSC. I rappresentanti di alcune delle principali iniziative in corso che contribuiscono agli obiettivi del piano saranno invitati a condividere le loro esperienze e a identificare gli elementi per un'azione coerente per lo sviluppo dell'Open Science e di EOSC in Italia.

La registrazione all’evento è obbligatoria al seguente link: https://bit.ly/3WeZdgo 

Il Cloud europeo per la scienza aperta (EOSC), è un’iniziativa lanciata dalla Commissione Europea nel novembre 2018. EOSC sta realizzando una piattaforma che, attraverso la federazione delle infrastrutture di dati esistenti e future, fornirà a  ricercatori, innovatori, imprese e cittadini europei un ambiente con servizi aperti per la gestione, l’analisi e il riuso dei dati della ricerca, interessando le varie discipline.

Attualmente, l'EOSC è governato da una struttura tripartita, con la Commissione Europea e l'EOSC-Association che operano come partenariato strategico sotto Horizon Europe e l'EOSC Steering Board che rappresenta gli Stati Membri e i Paesi Associati.

Gli eventi tripartiti nazionali ed europei contribuiscono alla diffusione e alla discussione degli obiettivi dell'EOSC e delle decisioni finalizzate a rendere operativo EOSC entro il 2025-2027.